Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for ottobre 2008

Da Seveso alle risorse rinnovabili: in 60 immagini i due volti di una società in bilico sul futuro 

L’Italia migliore e quella da scordare 
Ambiente, sviluppo e degrado del Belpaese nella mostra di Adelante! 

Da una parte c’è un’Italia ancora dilaniata dalle ferite ambientali degli ultimi trent’anni; dall’altra invece un’Italia che corre in prima fila verso un futuro migliore. Sono questi i temi della mostra fotografica Ambiente, memoria e sfide del futuro, retrospettiva che in 60 scatti racconta le due facce della medaglia di un Paese in bilico tra emergenza e sviluppo sostenibile. L’esposizione, allestita dall’associazione culturale Adelante! in collaborazione con Legambiente nel chiostro del cortile della Biblioteca Laudense a Lodi, si sviluppa in due sezioni intrecciate. Il filone storico, Memoria, è composto da immagini di fotogiornalismo e materiale di repertorio che presentano gli avvenimenti più importanti del recente passato attraverso le immagini dell’archivio del «Corriere della Sera» e le foto di Dino Fracchia, Sergio Ferraris, Giorgio Lotti, Pierpaolo Mittica, Pierluigi Ottani; la sezione contemporanea, Ambiente, nasce invece dal lavoro di tre giovani talenti fotografici italiani (il lodigiano Roberto Caccuri, Alessandro Cosmelli e Davide Monteleone), una co-produzione con l’agenzia Contrasto e con Geo Italia. Passato e presente si mescolano in scatti fortemente evocativi, per disegnare la mappa del cambiamento ambientale del nostro Paese e sottolinearne le conquiste, la sfida e la strada ancora da percorrere.«Abbiamo sempre cercato di raccontare i cambiamenti della società andando controcorrente per sfatare falsi miti», ha spiegato Michele Merola di Adelante! presentando la mostra e l’iniziative dell’associazione che quest’anno festeggia il decennale. La diossina di Seveso, i fumi velenosi di Porto Marghera, i rifiuti di Napoli fanno così da contrasto ad alcune eccellenze italiche come l’invenzione del Mater-Bi, la plastica biodegradabile, oppure la presenza di centrali geotermiche e di allevamenti biologici.«Per anni ho raccontato brutte storie di ambiente italiano – parole di Caccuri, intervenuto all’inaugurazione della mostra tenuta sabato pomeriggio -. Ma per fortuna c’è anche un’Italia che viaggia in un’altra direzione, che è all’avanguardia in campo ambientale. Questa mostra ne è la testimonianza». L’emergenza ambientale è comunque sempre alta nel Paese, come ha sottolineato Francesca Sanna di Legambiente: «Purtroppo troppo spesso l’ambiente viene relegato in seconda fascia, quando invece è la vera emergenza da affrontare». Le iniziative di Adelante! proseguiranno giovedì sera con l’incontro con lo scrittore Piero Colaprico che giovedì sera (ore 21, Archivio storico di via Fissiraga) presenterà il libro L’uomo cannone, noir sul tema dell’ecomafia. Fabio Ravera

Ambiente, memoria e sfide del futuro – Biblioteca comunale Laudense, corso Umberto 63, Lodi; orari: da lunedì a venerdì dalle 14 alle 18.30, sabato dalle 8.30 alle 12.30; ingresso libero, aperta al pubblico fino a martedì 4 novembre.

Il Cittadino, 28.10.2008

Annunci

Read Full Post »

Incontro con Piero Colaprico, scrittore, giornalista, autore de “L’uomo cannone”
Giovedì 30 ottobre 2008 – ore 21.00
Archivio Storico – Via Fissiraga 17 – Lodi
Intervengono Sergio Cannavò (Vicepresidente Legambiente Lombardia) e Diego Tavazzi (Coordinatore della collana Verdenero – Noir di ecomafia (Edizioni Ambiente.)
L’uomo cannone. Non è facile per l’ispettore Bagni destreggiarsi nel caso della cascina, venti chilometri dalla Città di M. Giovani immigrati assassinati, morie di pecore, pastori prematuramente deceduti. E personaggi potenti, molto potenti. Tutto comincia con l’arresto di un uomo elegante e ricoperto di sangue. Offre risposte sconclusionate a un terzetto di detective parecchio stufi di essere presi in giro. Quella sera scoppierà un caso clamoroso. O forse non scoppierà affatto, dipende dal Diavolo. E anche da Bagni: se sarà capace di decidere in fretta, prima che altri decidano per lui.
Piero Colaprico ha scritto diversi romanzi e racconti. Con Pietro Valpreda ha dato vita alla serie di gialli incentrati sulla figura del maresciallo Binda, pubblicati da Marco Tropea: Quattro gocce di acqua piovana (2001), La nevicata dell’85 (2001), La primavera dei Maimorti (2002), L’estate del Mundial (2003). Tra le sue opere più recenti vi sono Trilogia della Città di M. (Marco Tropea, 2004), vincitore del premio Scerbancenco, La quinta stagione (Rizzoli, 2006) e La donna del campione (Rizzoli, 2007). Inviato speciale di La Repubblica dal 1989, ha seguito numerose vicende di criminalità e corruzione, passa per l’inventore del termine “tangentopoli” e attualmente coordina a Milano la cronaca giudiziaria del quotidiano. Tra i suoi saggi, Manager calibro 9 (Garzanti, 1995), che racconta “dall’interno” vent’anni di criminalità a Milano, e Capire tangentopoli (Il Saggiatore, 1996).
Il nome della collana Verdenero è collegato ai colori che tingono lo scenario dell’ecomafia: da una parte il verde (la natura, il bene comune per eccellenza) e dall’altra le trame e le connivenze della malavita organizzata, materia da cronaca giudiziaria, e spesso da cronaca nera. Il Verde e il Nero sono i due mondi che nell’ecomafia vengono a contatto. Ma queste “parole-colore” si estendono simbolicamente fino alle esperienze e ai sentimenti del cittadino comune, che nei fenomeni di ecomafia è quotidianamente implicato, anche quando non sembra percepirlo. Il silenzio dell’omertà, l’inquinamento delle coscienze, l’insidia della violenza sono ben rappresentati dal nero, colore dell’ombra. Mentre, dall’altra parte, resta piena e vitale la voglia di dire, di fare, di rompere i silenzi e dare uno spazio nuovo alla vita di relazione. E anche alla speranza, da sempre illuminata dal colore verde.
Gli autori che hanno aderito al progetto Verdenero sono numerosi: Sandrone Dazieri, Giacomo Cacciatore, Valentina Gebbia, Gery Palazzotto, Eraldo Baldini, Simona Vinci, Piero Colaprico, Giancarlo De Cataldo, Wu Ming, Licia Troisi, Loriano Macchiavelli, Marco Vichi, Leonardo Gori, Tullio Avoledo, Girolamo De Michele, Carlo Lucarelli, Massimo Carlotto, Valerio Varesi, Marcello Fois, Niccolò Ammaniti e molti altri.

Read Full Post »

Un popolo di cartone sotto il Broletto: è l’altra Africa raccontata da Adelante!

Esiste anche un’Africa vitale, positiva, che guarda con ottimismo al futuro, lontana dai cliché abusati di continente martoriato da fame, povertà e guerra. E soprattutto un’Africa fatta di persone, siano studenti, madri di famiglia, operai, insegnanti, che ogni giorno lavorano e combattono per vedere riconosciuta la propria dignità. Una dignità ben visibile nella suggestiva mostra-installazione curata dall’associazione Adelante! che fino a stasera rimarrà aperta al pubblico sotto i portici piazza Broletto. “Persone: Africa, società civile e cambiamento”, questo il titolo della kermesse, presenta oltre 30 sagome a grandezza naturale di persone provenienti dai Paesi di tutto il continente, simboli dei cambiamenti che l’Africa sta attraversando. Gente comune che si sta organizzando dal basso, per resistere alla difficoltà, per superare i drammi, per progettare un’altra Africa che vuole uscire dallo sfruttamento economico della grandi potenze. La mostra, che sta facendo il giro delle piazza italiane, è un evento nell’ambito della Campagna “Africa c’è” promosso dal Cipsi e Chiama l’Africa, cofinanziato dal Ministero degli Affari esteri. Anche a Lodi l’installazione ha riscosso un buon successo di pubblico: moltissime infatti le persone che attraversando il centro storico si sono fermate ad ammirare le sagome, mettendosi in relazione e in comunicazione con un altro mondo che, malgrado gli stereotipi, è sempre più vicino al nostro.

Il Cittadino 27.10.2008

Read Full Post »

García Villas, una vita con gli ultimi

Adelante! compie 10 anni e li festeggia con una fitta serie di iniziative culturali nel segno dell’impegno e della denuncia. Si va dalla mostra per immagini dedicata all’Africa – apertasi ieri in Broletto -, fino alla retrospettiva sui disastri ambientali degli ultimi trent’anni opera del fotografo Roberto Caccuri (dal 25 ottobre al 4 novembre presso la Biblioteca Laudense). Ad aprire la rassegna è stata, sempre in biblioteca, la mostra fotografica dal titolo Con la voce e con la penna, di Marianella García Villas, inauguratasi venerdì scorso con un intervento dell’assessore comunale Simone Uggetti. Chiara Forneris, direttrice del progetto, ha ripercorso la biografia di Marianella Garcìa Villas, una donna, che con la sua intensa attività di resistenza durante la guerra civile in Salvador (1979 -1992), ha speso tutta la vita per la salvaguardia e l’affermazione dei diritti umani. Collabpratrice di monsignor Romero, la Villas militò prima nell’Azione cattolica universitaria e poi nel Partito democratico, con il quale riuscì a entrare in Parlamento, restandovi solo due anni, dal ’74 al ’76. Continuò quindi a denunciare i soprusi e i massacri commessi nel paese durante il suo successivo lavoro presso la Commissione per i diritti umani, di cui era presidente. La guerra civile in Salvador è stata causa di numerose vittime, innumerevoli sono stati gli omicidi di massa e la Villas, aiutata dalla popolazione cui dava voce, si è impegnata a favore di una lotta “non violenta”, non solo mostrando al resto del mondo le foto degli efferati massacri compiuti, ma anche ricomponendo lei stessa i cadaveri straziati. Il suo intento era di ridare dignità umana a quei cadaveri schiacciati anche nella morte e fare in modo che la lotta per il diritto alla vita fosse di primaria importanza. Proprio per questo suo militante e ingombrante impegno nel ’83 fu catturata dei militari salvadoregni, torturata e uccisa; il suo cadavere venne poi gettato in una fossa comune. Una volta ritrovato fu esposto in una camera ardente, dove ingente fu l’afflusso delle persone che vennero a porgerle l’ultimo affettuoso saluto. Di duro impatto, le immagini esposte trasmettono senza filtri la barbarie della guerra e si fanno portatrici del messaggio di resistenza e dell’intensa forza d’animo che la Villas ha avuto nel documentare le violenze del regime. La mostra, che si propone anche di ricordare il 25esimo anniversario della morte di Marianella, è stata promossa dalla Fondazione Internazionale Lelio Basso, promotrice della nascita del Tribunale permanente dei popoli, un Tribunale d’opinione che ha dato una grossa spinta alla creazione della Corte penale internazionale. La mostra chiude nel fine settimana ed è visitabile ancora oggi dalle 14 alle 18.30 sabato dalle 8.30 alle 12.30.

 

Il Cittadino 24.10.2008

Read Full Post »

Attenzione!
È stata annullata la proiezione “Biùtiful cauntri” prevista per lunedì 27 ottobre: purtroppo il registra Peppe Ruggiero ha avuto un impegno non previsto.
Ci scusiamo!

Read Full Post »

Non solo festeggiamenti per i 10 anni di Adelante, continuiamo anche le altre nostre attività…cercando sempre di stare in rete!

CRISI FINANZIARIA: chi paga? Quanto paga? L´appuntamento è per il 28 ottobre alle h. 21.00 presso la Casa della Gioventù – Viale Rimembranze 10 – Lodi

Il Coordinamento dei Soci di Banca Etica e il Punto informativo di Finanza Etica, in collaborazione con molte associazioni territoriali (AC Diocesi di Lodi, ACLI, Adelante! , Caritas Diocesi di Lodi, FIBA CISL, FISAC CGIL, Laboratorio per la Città, LAUS Vol, MAG2, MEIC, Rete Lilliput Nodo di Lodi, Ufficio Problemi Sociali della Diocesi) e con il patrocinio del Comune di Lodi organizzano un incontro dal titolo –

L´esigenza di conoscere e capire di più della profonda crisi finanziaria in atto nel mondo occidentale è ulteriormente accresciuta dal senso di instabilità che questo territorio ha subito e sta ancora subendo come conseguenza di un uso spregiudicato del sistema creditizio, tanto da averne un rilievo penale.

Chi guadagna e chi perde nel “Risiko” finanziario in cui i Governi di mezzo mondo si stanno tuffando?

Quali sono gli strumenti che ha il cittadino-risparmiatore ed il cittadino-investitore per operare in modo corretto?

Queste sono alcune delle domande a cui si cercherà di dare risposte con l´aiuto del dr. Daniele del Maestro , consulente e specialista di prodotti derivati e con il Prof. Ercole Ongaro in qualità di componente del Comitato Etico di Banca Etica.

Qui il volantino. 28_ottobre

Read Full Post »

qui potete trovare tutti gli eventi per i 10 anni di Adelante: mostre (le_mostre_adelante_10anni5), film (i_film_adelante10anni4) e tutto il resto (altri_eventi_adelante10anni3)!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: